Promuovere l'inclusione sociale: il progetto "Famiglie in acqua"

Alessandro Bortolotti

Abstract


Questo articolo si propone di presentare lo sviluppo di un metodo educativo inclusivo implementato in una piscina, al fine di favorire lo sviluppo dei bambini con sindrome autistica. L'innovazione del progetto sta nel riunire la conoscenza e l'esperienza di educatori desiderosi di sviluppare una comprensione pedagogica e la pratica delle attività di gioco, sia con i bambini con sindrome autistica che con i loro genitori. Inoltre, le potenzialità dell’inclusione sociale sono state documentate utilizzando in particolare la teoria della Prasseologia Motoria, la quale illustra come l'esperienza fisica influenzi non solo gli aspetti biofisici ma anche quelli socio-relazionali, facilitando l'acquisizione della consapevolezza di sé. L’articolo riporta quindi i risultati empirici sull'impatto del Progetto denominato "Famiglie in acqua" rispetto all'inclusione. I dati sono stati raccolti principalmente attraverso osservazioni su bambini fragili, e sui processi prodotti dalle attività svolte. Infine, il potenziale inclusivo viene esaminato attraverso un approccio comunicativo/relazionale che mette in discussione il modo tradizionale di interpretare le attività fisiche, che ostacola la comprensione dei processi d’inclusione sociale per ogni bambino. I risultati evidence-based indicano che il progetto ha guidato i bambini verso un processo trasformativo, attraverso la progettazione di un ambiente inclusivo in grado di soddisfare e sostenere i bisogni dei bambini, evidenziando come il gioco e le pratiche motorie possono sia rivelare aspetti della personalità che fornire esperienze significative a livello sociale e relazionale. 


Parole chiave


Pedagogy; Inclusion; Education; Motor Science

Riferimenti bibliografici


American Psychology Association (APA) (2000). Diagnostic and statistical manual of mental disorders: DSM-IV-TR, American Psychiatric Pub., 4e éd.

Bateson, G. (1976). Verso un’ecologia della mente, Milano: Adelphi. (ed. originale: 1972).

Bortolotti, A. (2019). Il maestro del gioco è il gioco, non il maestro. Saggio sulla “logica interna” delle attività ludico-motorie. Formazione & Insegnamento, XVII, 3, 27-35.

Bortolotti, A. & Simoni, N. (2019). “Famiglie in acqua”: un’esperienza “sportiva” orientata allo sviluppo globale di soggetti con disturbi dello spettro autistico, Italian Journal of Special Education for Inclusion, VI(2), 217-228.

Brunet, F., Blanc, C., & Margot, A. C. (2009). Handicap sévère. Activités motrices et sensorielles. Joinville le Pont: Actio.

Ferretti, E. (2016), Educazione in gioco. Bellinzona: Casagrande.

Garfinkel, H. (1967). Studies in ethnomethodology. Englewood Cliffs, N.J.: Prentice Hall.

Geertz, C. (1984). Bali. Interprétation d'une culture. Paris: Gallimard.

Jeu, B. (1983). Le Sport, l’émotion, l’espace. Essai sur la classification des sports et ses rapports avec la pensée mythique. Paris: Vigot.

Lieber, J., Beckman, P. J., Hanson, M. J., Janko, S., Marquart, J., Horn, E., & Odom, S. L. (1997). The impact of changing roles on relationships between professionals in inclusive programs for young children. Early Education and Development, 8(1), 67-82.

Mauss, M. (1966). Les Techniques du corps, Sociologie et anthropologie, p. 363-386, Paris: PUF (ed. Originale, 1936, tr. italiana: 1965).

Mead, G.H. (1934). Mind, Self, and Society. Chicago (Il.): University of Chicago Press.

Merleau-Ponty, M. (1945). Phenomenologie de la perception. Paris: Gallimard (ed. italiana: 1965).

Parlebas, P. (1997). Giochi e Sport. Corpo, comunicazione e creatività ludica. Torino: il Capitello.

Parlebas, P. (1999). Jeux, Sports et Sociétés. Lexique de Praxéologie motrice. Paris: INSEP.

Rosenthal, R. & Jacobson, L. (1968). Pygmalion in the classroom: teacher expectation and pupils’ intellectual development. New York,

Holt, Rinehart & Winston.

Winnicott, D.W. (1974). Gioco e realtà. Roma: Armando (ed. Originale : 1971).




DOI: https://doi.org/10.32043/gsd.v5i2.384

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2021 Giornale Italiano di Educazione alla Salute, Sport e Didattica Inclusiva

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.