BODY AND PHYSICAL ACTIVITY: FROM LABORATORY TEACHING TO EMBODIED COGNITION

Ilaria Tosi, Pier Cesare Rivoltella, Francesco Casolo

Abstract


Negli ultimi anni, sempre più studi, hanno sottolineato l’importanza del corpo nei processi di apprendimento, attribuendo ad esso un ruolo educativo fondamentale nei percorsi didattici. La ricerca contemporanea amplia la considerazione culturale e pedagogica del corpo come dimensione non identificabile unicamente con la componente fisica della persona. Quest’ultima rappresenta il riflesso di un’integralità della persona che è prima di tutto vissuta, percepita, sentita e riconosciuta in una molteplicità di sfumature, sensazioni, attività e percorsi che vengono esplorate a partire esattamente dal corpo. La prima parte di questo articolo rappresenta una riflessione pedagogica sulla situazione attuale, aprendo spazi di riflessione sull’importanza dell’esperienza e del piacere come strategie apprenditive. Il focus si è, successivamente, rivolto all’analisi della didattica laboratoriale, come valida alternativa alla tradizionale lezione frontale in grado di coinvolgere il corpo nel processo di insegnamento-apprendimento. Infine, la recente teoria dell’Embodied Cognition ha messo in luce come la maggior parte dei processi cognitivi avvenga attraverso i sistemi di controllo del corpo. La conoscenza incorporata, infatti, prevede come assunto la dipendenza dei processi cognitivi dal sistema sensorimotorio. La riflessione svolta permette di notare come sia sempre più necessario concentrarsi sullo stretto rapporto tra percezione e azione, mente e corpo.

Parole chiave


apprendimento, attività motoria, Embodied Cognition

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Avalle, U., Maranzana, M., Sacchi P. (2010). Psicologia generale e psicologia dell’educazione. Bologna: Zanichelli.

Barbieri, N. (2002). Dalla ginnastica antica allo sport contemporaneo. Padova: Cleup.

Blaesi, S., Wilson, M. (2010). The mirror reflects both ways: Action influences perception of others, Brain and Cognition Sciences, 72, 306–309, Doi:10.1016/j.bandc.2009.10.001.

Bruner, J. (1998). La mente a più dimensioni. Bari: Laterza.

Cacciamani, S. (2002). Psicologia per l’insegnamento. Roma: Carocci.

Caruana, F., Borghi, A. M. (2013). Embodied Cognition: una nuova psicologia, Giornale Italiano di Psicologia, 1, 23-48, Doi: 10.1421/73973.

Casolo, F., Melica, S. (2005). Il corpo che parla. Comunicazione ed espressività nel movimento umano. Milano: Vita e Pensiero.

Catarsi, E. (1999). Leggere le figure. Il libro nell’asilo nido e nella scuola dell’Infanzia. Pisa: Edizioni del Cerro.

Cosentino E., Vazzano S. (2007). I segni del soggetto, Carocci editore, Roma.

Esrock, E., Ian Davis, J., Benforado, A., Turner, A., Dalton, RC., Noorden, LV. (2012). Four Applications of Embodied Cognition, Topics in Cognitive Science, 4, 786-793, Doi: 10.1111/j.1756-8765.2012.01225.x.

Fauconnier, G., Turner, M. (1996). Blending come processo centrale della grammatica. Nella struttura concettuale, discorso, e la lingua. ed. A Goldberg. Stanford: Centro per lo studio della lingua e informazione.

Gallese, V., Goldman, A. (1998). Mirror neurons and the simulation theory of mindreading. Trends in Cognitive Science, 2(12),493-501.

Gamelli, I. (2012). Ma di che corpo parliamo? I saperi incorporati nell’educazione e nella cura. Milano: Franco Angeli.

Lakoff, G., Johnson, M. (1999). Phylosophy in the flesh: the embodied mind and its challenge to western thought. New York: Basic Book.

Neisser, U. (1976). Psicologia cognitivista. Milano: Martello-Giunti Editore.

Oliverio, A. (1999). L’arte di imparare. Milano: RCS libri.

Ordinamenti didattici per le attività educative nella scuola materna statale. 1991.

Piaget, J. (2000). Lo sviluppo mentale del bambino. Torino: Einaudi.

Rizzolatti, G., Sinigaglia, C. (2006). So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio, Milano: Raffaello Cortina Editore.

Russo, G. (2011). La società della Wellness. Corpi spirituali al traguardo della salute, Milano, Franco Angeli.

Schilder, P. (1973). Immagine di sé e schema corporeo. Milano: Franco Angeli.

Sibilio, M. (2007). Il laboratorio ludico-sportivo e motorio tra corpo, movimento, emozione e cognizione. Roma: Aracne.

Sibilio, M. (2011). Ricercare corporeamente in ambito educativo. Lecce: Pensa Multimedia Editore.

Vitale, C., Iacomino, M. (1992). Educazione e psicomotricità. Salerno: Edisud.

Wilson, M. (2002). Six views of Embodied Cognition. Psychonomic Bulletin & Review, 9: 625. Doi:10.3758/BF03196322.




DOI: https://doi.org/10.32043/gsd.v5i1_sup.224

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2021 Giornale Italiano di Educazione alla Salute, Sport e Didattica Inclusiva

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.